| More

Mozart e Beethoven a confronto

Intervista con la pianista Daniela Novaretto

Non è così frequente assistere a un concerto dedicato esclusivamente a un repertorio di musica da camera. Lunatica Festival ha inserito nel suo calendario una serata riservata invece proprio a questo tipo di musica. Abbiamo intervistato a nome del quintetto (quartetto di fiato e pianoforte) protagonista del concerto "Due colossi a confronti: Mozart e Beethoven a confronto", la pianista Daniela Novaretto.

La musica da camera non è molto frequente nei programmi da concerto: perchè avete scelto di cimentarvi proprio un questo genere di musica?
Uno dei motivi è proprio questo. Purtroppo questa splendida fetta di repertorio musicale che abbiamo in Italia, e in generale in Europa, è poco gettonato dai concertisti. Non ho mai capito esattamente per quale motivo, ma è così da sempre. Siamo convinti che l'ascolto e anche l'esecuzione della musica da camera in Italia vadano incrementati; convinti di questo principio abbiamo dato vita all Associazione Camera Musicale Fiorentina, da circa un anno, cominciando subito a allestire un repertorio. L'idea è quella di continuare a suonare insieme, visto che si è rivelato davvero essere un gruppo affiatato: c'è molta intesa tra noi, il che è quasi strano, visto che non è così scontato riuscire a trovarsi artisticamente quando si è più di... uno!!! 

Parliamo invece del programma della serata. Perchè optare per questi due artisti?
Sono i due quintetti più importanti del loro repertorio. Riguardo a quello di Mozart, fu lui stesso a definirlo come una delle sue migliori creazioni in una lettera indirizzata al padre; Beethoven invece raccoglie un pò il momento di passaggio tra due epoche, e viene indubbiamente influenzato dal collega.  Nel suo testo si roscontrano delle reminescenze, forse anche qualche abbozzo di citazione di Mozart. Inoltre, e qui spezzo una lancia a favore del mio strumento, in questi quintetti il pianoforte viene davvero valorizzato molto: la parte pianistica sembra quella del più tradizionale concerto per solista e orchestra. Anche la durata, in termini di minuti, è quella di un concerto standard.

La location: Casola in Lunigiana, non proprio dietro l'angolo! Perchè siete lieti di esibirvi qui?

Speravo mi facesse questa domanda, perchè ci tengo molto a dire che in questo contesto abbiano trovato un terreno fertile per quello che interesa a noi, cioè diffondere l'amore per questa musica e incrementarne prima di tutto l'ascolto, soprattutto tra i giovani. Casola è una piccla realtà che si annuncia però molto preparata a questo genere di cultura: esistono dei corsi musicali per bambini, c'è una banda strumentale: siamo più che felici di suonare qui, e speriamo anzi di poter replicare quanto prima anche in zone limitrofe.

Proprietà dell'articolo
creato:lunedì 3 agosto 2015
modificato:lunedì 3 agosto 2015