Eventi 2012
| More
Domenica 21 luglio - Giardino del Convento degli Agostiniani, Fivizzano

Un bès. Antonio Ligabue

Di e con Mario Perrotta

Teatro dell'Argine/Mario Perrotta
Collaborazione alla regia Paola Roscioli
Collaborazione alla ricerca Riccardo Paterlini
Foto Luigi Burroni
Organizzazione Stefano Salerno

Spettacolo a pagamento

È la prima tappa del progetto triennale “Progetto Ligabue arte, marginalità, follia” che Perrotta ha pensato sulla figura di Antonio Ligabue, sul suo rapporto con i luoghi che segnarono la sua esistenza e sulla sua creazione artistica.  Perché indagare Antonio Ligabue significa indagare il rapporto di una comunità con lo “scemo del paese”, da tutti temuto e tenuto a margine, ma significa anche accettare lo spostamento che provoca una nuova visione delle cose, una visione “folle”, che mette a rischio gli equilibri di chi osserva, costringendolo a porsi la classica domanda:  “Chi è il pazzo?”.

“….questo m'interessa oggi di Antonio Ligabue:  la sua solitudine, il suo stare al margine, anzi, oltre il margine - oltre il confine - là dove un bacio è un sogno, un implorare senza risposte che dura da tutta una vita… Mi attrae e mi spiazza la coscienza che aveva di essere un rifiuto dell'umanità e, al contempo, un artista...  Voglio stare anch'io sul confine e guardare gli altri e, sempre sul confine, chiedermi qual è dentro e qual è fuori…..”   Mario Perrotta

Tre spettacoli in tre anni ma, soprattutto, un progetto "articolato":  laboratori in oltre 70 scuole italiane e svizzere, due documentari, mostre, collaborazioni con compagnie italiane e straniere, seminari e fasi di studio in Italia, Svizzera e Belgio, coinvolgimento di decine di artisti di ogni forma d'arte, traduzione e messa in scena in francese e tedesco di alcuni capitoli del progetto.

 

vai alla mappa

Quando
Proprietà dell'articolo
creato:martedì 2 luglio 2013
modificato:lunedì 8 luglio 2013